LE MENZOGNE SULLA SIRIA DA PARTE DEI DISINFORMATORI DI MASSA EMBEDDED

22.09.2013 17:43

Da antimafia 2000 riprendiamo tre articoli,che hanno la necessità di girare in internet per demolire la disinformazione di massa attuata dagli embedded al servizio dei criminali imperialisti mondiali sulla situazione in Siria e su chi ha veramente usato i gas.Soprattutto i”raccomandati”disinformatori di massa italiani che continuano nella loro propaganda,non soddisfatti ancora dei fallimenti dei criminali Usa,Inghilterra e Francia!Gli estensori degli articoli non sono i soliti”comunisti” o”islamici”ma solo giornalisti indipendenti.Il primo articolo è tratto dal sito mega chip.globalist.it e la fonte è:independent.co.uk;il secondo è scrittodahttp://www.francescosantoianni.it/wordpress/?p=989, apparso su /www.youtube.com/ watch?v=GVU8KMRtiHU,la fonte:peacelink.it,tratto da:  megachip.globalist.it;il terzo è:,tratto da:megachip.globa list.it

 

Antimafia Duemila

L'Iran, non la Siria, vero bersaglio dell'Occidente

L'Iran è sempre più coinvolto nel proteggere il governo siriano: una vittoria di Bashar è una vittoria dell'Iran. E vittorie iraniane non son tollerate ad Ovest

di Robert Fisk -

Prima che la più stupida guerra occidentale nella storia del mondo moderno abbia inizio-mi sto naturalmente riferendo all'attacco alla Siria che tutti noi dobbiamo ancora ingoiare-potrebbe essere bene dire che i missili cruise,che fiduciosamente ci attendiamo che si scaglino su una delle città più antiche dell'umanità, non hanno assolutamente nulla a che fare con la Siria.

Sono destinati a danneggiare l'Iran. Sono destinati a colpire la repubblica islamica, ora che ha un nuovo e brillante presidente - a differenza di quel picchiatello di Mahmoud Ahmadinejad - proprio nel momento in cui potrebbe essere appena più stabile.

L'Iran è il nemico di Israele. L'Iran è quindi, naturalmente, nemico dell'America. Perciò si sparano i missili contro l'unico alleato arabo dell'Iran.

Non c'è nulla di gradevole da dire sul regime di Damasco. Né questi commenti scagionano il regime in materia di uso massiccio di gas. Ma io sono abbastanza vecchio per ricordare che quando l'Iraq - allora alleato degli Stati Uniti - aveva usato i gas contro i curdi di Hallabjah nel 1988, noi non abbiamo aggredito Baghdad. In realtà, tale attacco dovette aspettare fino al 2003, quando Saddam non aveva più alcun gas o una qualsiasi delle altre armi su cui abbiamo avuto degli incubi.

E a me capita anche di ricordare che la CIA nel 1988 ha architettato la storiella che l'Iran fosse responsabile per le gasazioni di Hallabjah, una tangibile bugia che si è concentrata sul nemico dell'America che Saddam stava allora combattendo per nostro conto. E migliaia - non centinaia - morirono ad Hallabjah. Ma così va il mondo. Tempi diversi, standard diversi.

E suppongo che valga la pena notare che quando Israele ha ucciso fino a 17mila uomini, donne e bambini in Libano nel 1982, in una invasione ipotetica mente provocata dal tentativo dell'OLP di assassinare l'ambasciatore israeliano a Londra - era in realtà il compagno di Saddam Abu Nidal ad aver organiz zato l'uccisione, non l'OLP, ma questo non conta, ora - l'America semplicemente si limitò a far appello a entrambe le parti affinché esercitassero "modera zione".E quando,pochi mesi prima di quella invasione, Hafez al-Assad - padre di Bashar - inviò suo fratello fino ad Hama per spazzare via migliaia di ribel li dei Fratelli Musulmani, nessuno mormorò una sola parola di condanna. "Regole di Hama" fu il modo in cui il mio vecchio collega Tom Friedman cinica mente definì questo bagno di sangue.

In ogni caso,c'è una Fratellanza diversa in campo oggigiorno - e Obama non ha potuto nemmeno dire né a né ba quando il loro presidente eletto è stato deposto.

Ma aspetate un attimo.Non fu che forse che l'Iraq-quando era il"nostro"alleato contro l'Iran-fece anch'esso uso di gas contro l'esercito iraniano?Lo fece. Ho visto le persone colpite da ferite come quelle di Ypres in conseguenza di questo folle attacco di Saddam - ufficiali statunitensi, dovrei aggiungere, han no visitato il campo di battaglia più tardi e riferito a Washington - e non ce n'è fregato un fico secco. Migliaia di soldati iraniani nella guerra 1980-1988 so no stati avvelenati a morte da questa arma vile.

Sono tornato a Teheran durante la notte su un treno di feriti militari e ho sentito la puzza di questa roba per davvero, aprendo i finestrini nei corridoi per li berare i miasmi del gas. Questi giovani avevano ferite su ferite - letteralmente. Avevano piaghe orribili in cui galleggiavano piaghe ancora più dolorose che si avvicinano all'indescrivibile. Eppure, quando i soldati sono stati inviati agli ospedali occidentali per ricevere delle cure, noi gazzettieri definimmo questi feriti - dopo prove fornite dall'ONU infinitamente più convincenti di quelle che stiamo probabilmente per ottenere da fuori Damasco - "presunte" vittime del gas.

Ebbene,cosa stiamo facendo in nome del cielo?Dopo che innumerevoli migliaia di persone sono morte nell'impressionante tragedia della Siria, im provvisamente - ora, dopo mesi e anni di soperchierie - ci stiamo arrabbiando per qualche centinaio di morti. Terribile. Inconcepibile. Sì, questo è vero. Ma avremmo dovuto essere traumatizzati sul campo da questa guerra nel 2011. E nel 2012. Ma perché ora?

Sospetto di saperne il motivo. Io penso che lo spietato esercito di Bashar al-Assad potrebbe essere proprio in procinto di vincere contro i ribelli che noi segretamente armiamo.Con l'assistenza del libanese Hezbollah - alleato dell'Iran in Libano - il regime di Damasco ha debellato i ribelli a Qusayr ed è lì per lì per sgominarli anche a nord di Homs. L'Iran è sempre più profondamente coinvolto nella protezione del governo siriano. Per questo motivo una vittoria per Bashar è una vittoria per l'Iran. E vittorie iraniane non possono essere tollerate dall'Occidente.

E già che siamo in tema di guerra, che cosa è successo a quei magnifici negoziati israelo-palestinesi di cui si vantava John Kerry? Mentre esprimiamo la nostra angoscia per le orribili gasazioni in Siria,la terra di Palestina continua ad essere divorata.Le politiche Likudiste di Israele-ossia negoziare per la pa ce fino a quando non sarà rimasta alcuna Palestina-continuano a ritmo sostenuto,ed è per questo che l'incubo del re Abdullah di Giordania(assai più op primente di quello delle "armi di distruzione di massa" da noi vagheggiato nel 2003) diventa ancora più grande: che la "Palestina" sarà in Giordania, non in Palestina.

Ma se dobbiamo credere alle sciocchezze che escono da Washington,Londra,Parigi e dal resto del mondo"civilizzato",è solo una questione di tempo pri ma che la nostra spada rapida e vendicativa si scagli sui damasceni. Il fatto di osservare i leader del resto del mondo arabo mentre applaudono a questa distruzione è forse la più dolorosa esperienza storica che la regione debba sopportare. E la più vergognosa. Se non fosse per il fatto che staremo attaccando i musulmani sciiti e i loro alleati al ritmo del battimani dei musulmani sunniti. Ed è ciò di cui la guerra civile è fatta.

31 agosto 2013

Fonte: independent.co.uk

Tratto da: megachip.globalist.it

Antimafia Duemila

Sulle notizie raccapriccianti dalla Siria

di Patrick Boylan –

Siria: il napalm contro una scolaresca era una bufala della BBC. Ma lo scoop ha funzionato lo stesso.Cosa fare per disinnescare le menzogne [Patrick Bo ylan].

L'ultima notizia raccapricciante dalla Siria(il napalm contro una scolaresca)si rivela una bufala.Non importa:come la notizia raccapric ciante che l'ha pre ceduto (l'uso di gas letale,realmente avvenuto), questo "scoop"viene subito strumentalizzato per chiedere un inter vento militare USA.Ma quest'intermi nabile sfilza di notizie orrende dalla Siria può essere fermata,se riconosciamo che i mandanti siamo noi e se ripudiando il giornalismo sensazionalisti co.Sono davvero abili gli operatori della guerra psicologica al servizio dalla CIA, i quali riescono ad inventare di continuo e"videoregistrare"eventi sempre più raccapriccianti da attribuire al governo siriano di Bashar al-As sad,eventi assai più terribili di quelli già terribili che vengono commessi comunque in Siria,dalle diverse parti coinvolte in una cruente guerra per procura.

Questi mega orrori vanno dai bambini dalle gole tagliate"dai sicari del regime"a Houla un anno fa,ai 1700 morti per gas a Ghouta (un sobborgo di Dam sco) il 21 agosto,ai"bambini bruciati vivi in una scuola",ossia l'ultima horror story in ordine di tempo,diffusa la setti mana scorsa dalla BBC e prontamente smontata come bufala sul blog di Francesco Santoianni.

Anche quando ci accorgiamo che sono delle messe in scena recitate da attori improvvisati,come nel caso della bufala smontata da San toianni,questi vi deo sono pur sempre orripilanti. Ma diventano orripilanti per davvero quando ci accorgiamo che ciò che è stato filmato, come a Houla e a Ghouta, non è affatto una recita ma la realtà e, nel contempo, anche una messinscena. Cioè una montatura. Infatti, da gli indizi più attendibili raccolti, sembra ormai chia ro che in questi due casi (per non parlare di altri),i ribelli siriani,pur di avere dei cada veri reali da filmare per noi guardoni occidentali (nonchè da mostrare agli ispettori ONU in arrivo), abbiano tagliato loro stessi la gola ai bambini di Houla e lanciato loro stessi le granate a gas letale contro una fazione rivale a Ghouta. (Nel secondo caso, i ribelli sono stati aiutati da professionisti esterni, dotati di armi attribuibili ad Assad, per ingannare gli ispettori ONU.) Lo scopo di entrambe le messin scene:screditare il regime e quindi fornire agli USA un pretesto per intervenire militarmente al loro fianco.I ribelli sanno di non poter vin cere altrimenti.

Quindi,in un caso come nell'altro,i mandanti involontari di queste messinscene orribili-recitate o fatte accadere realmente-siamo noi telespettatori occi dentali.Infatti,questi video sono stati ideati e girati-usando attori sdraiati a terra o creando cadaveri reali da filmare- proprio per noi.I ribelli(e i loro sugge ritori della CIA) sanno perfettamente che il telespettatore medio in Occidente s'interessa alla Siria solo se vede scene raccapriccianti; per cui sanno di do ver - per forza-sfornare notizie ogni settimana più orrende perché il loro messaggio,a favore di un intervento armato,ci arrivi.

Spetta a noi, dunque,gli "utenti finali" (e quindi indirettamente i committenti) di queste notizie sensazionalistiche, porre un altolà. In che maniera?

Se non possiamo fermare gli "orrori ordinari"che vengono commessi in una guerra cruenta come quella siriana,possiamo perlomeno fermare i"mega or rori" che vengono deliberatamente messi in scena per condizionarci,boicottando i mass media che li divulgano. Così,facendo calare l'audience e quindi gli introiti pubblicitari di questi mass media,riusciremo ad imporre un silenzio stampa sulle noti zie sensazionalistiche-come si fa per i sequestri.Con il ri sultato che,non avendo più riscontri nei media,le messinscene raccapriccianti cesseranno di essere realizzate. E noi non saremo più strumentalizzati

Detto ciò,dobbiamo riconoscere che,in un certo senso,è un vero peccato-consentitemi un po'di ironia - che noi non possiamo reclutare questi abili sce neggiatori della CIA e farli lavorare invece per le popolazioni che l'Occidente bombarda di continuo.Sarebbero in grado di ideare servizi-questa volta basandosi su fatti reali,non messinscene o montature-che fanno vedere tutto l'orrore dei droni USA nello Yemen e nel Pakistan(dove i bambini vengono bruciati vivi per davvero)e dei bombardieri italiani e alleati in Afghanistan(dove perfino le feste di nozze vengono fatte saltare in aria dalle bombe oc cidentali).

In pratica,video di eventi veri,ma realizzati in chiave sensazionalistica per"bucare"i tg occidentali e le prime pagine dei giornali.Sarebbe una trovata ge niale,no?

Certo,esistono già molti video realizzati da tempo sulle devastazioni causate dalle truppe occidentali nei paesi del terzo mondo.Ma questi video - girati so prattutto dai contadini del luogo e caricati malamente su YouTube - vengono totalmente ignorati dai nostri tg. Evidentemente,secondo i caporedattori, sono troppo rozzi,fatti senza criterio,rischiano di non fare audience.Servirebbero,dunque, davve ro a questi contadini potersi avvalere di esperti in guerra psicologica e in video propaganda,disposti a passare dalla loro parte-altri Bra dley Manning e Edward Snowden, per dire. (E qui finisce l'inciso ironico.)

L'ironia, infatti, sta nel fatto che il vero motivo - diciamocelo francamente - per il quale i video di questi contadini non vengono mostrati nei nostri tg è che i loro contenuti sono troppo scottanti:mettono sotto accusa l'Occidente.Toccano tasti dolenti.Per cui non servirebbe a nulla realizzarli con maggiore cri terio,con l'aiuto di esperti-sarebbero censurati lo stesso.

Donde questo paradosso:noi in Occidente sappiamo più sugli orrori commessi dal governo alawita-sunnita in Siria di quanto non sap piamo sugli orrori commessi dal nostro stesso governo due anni fa in Libia e ininterrottamente,da dodici anni, in Afghanistan. I nostri tg ci mostrano i video di cadaveri carbonizzati solo se sono di siriani bombardati da Assad (o dai ribelli e poi attribuiti ad Assad per fare propaganda), ma non se sono di somali bombarda ti dai droni statunitensi, pilotati a partire dalla base di Sigonella in Sicilia.

A questo punto diventa chiaro perché,da oltre due anni,la CIA aiuta così tanto i ribelli siriani a realizzare video e a scattare foto ben mes se in scena (con occasionali sbavature come nel video smontato da Santoianni) e comunque sempre più raccapriccianti. Questi video e queste immagini servono non so lo ad incitare l'opinione pubblica occidentale a sostenere un intervento militare USA in Siria a fianco dei ribelli (l'obiettivo principale,già menzionato);ma servono anche a distrarre l'opinione pubblica occidentale dagli orrori commessi nel mondo dalle proprie forze armate,e da quelle dei loro alleati.

E'dunque anche per questo secondo motivo che i padroni dei mass media ci fanno focalizzare tutta la nostra attenzione sugli orrori commessi in Siria: per distogliere il nostro sguardo da ciò che fanno realmente le nostre missioni militari all'estero.

Occhio non vede,coscienza non duole.

Perchè se ne diventassimo davvero consapevoli,sicuramente insisteremmo perchè il governo ritiri subito le truppe dall'Afghanistan e chiuda subito la ba se droni di Signonella.Se diventassimo consapevoli che l'attuale guerra in Siria è una guerra per procura in cui noi occidentali siamo coinvolti dietro le quinte sin dall'inizio,allora ci schiereremmo recisamente contro ogni ulteriore intervento militare e sterno in Siria e a favore di un blocco totale delle armi provenienti clandestinamente dalle nostre industrie belliche.Prima di fare pulizia in Siria,faremmo pulizia in casa nostra.

Ovviamente tutto ciò rovinerebbe i piani di egemonizzazione del mondo,tramite la proiezione delle proprie forze armate sull'intero pia neta,che la NATO Globale ha teorizzato quindici anni fa e votato a Chicago un anno fa.In compenso e in positivo,obbligherebbe i nostri governi a trattare con i paesi emer genti o già emersi,invece di cercare di sottometterli con la forza per ripartire le ricchezze naturali del mondo e per ricomporre le divisioni geopolitiche.E così,cercando di promuovere i nostri interessi con l'ingegno anziché con la violenza, diventeremmo finalmente una razza... umana.

Un sogno?Intanto possiamo cominciare a realizzarlo.Possiamo dedicarci,anzitutto,alla madre di tutte le battaglie politico-sociali: la lotta per spezzare il controllo delle informazioni da parte dei ceti dominanti,a partire dalla creazione di un autentico pluralismo ed equilibrio nei mass media.In che modo?

Possiamo cominciare la nostra lotta in piccolo,selezionando bene i media che usiamo per informarci,dando più spazio a quelli alterna tivi in Internet. Come si è già detto,possiamo boicottare e far boicottare i mass media dominanti che, pur di demonizzare un regime da ro vesciare,si abbassano fino al punto di rifilarci bufale sensazionalistiche-come ha fatto la BBC la settimana scorsa (ma non è la prima volta).Possiamo imparare ad essere fruitori attivi dei media che parlano di attualità,commentando gli articoli che leggiamo-non con bat tute,ma con ragionamenti filati-e poi passando a scrivere recensio ni e articoli per questi media,se sono aperti a contributi esterni.Non al lo scopo di diventare giornalisti(seppure questo metodo è un ottimo primo passo), ma per chiarire i fatti e le nostre idee esponendoli per iscritto.

Infatti,lo scrivere affina la lettura.Più scriviamo sull'attualità e più capiamo gli articoli d'attualità altrui che leggiamo.E meno dipendiamo dai mezzibusti in tv per spiegarci come va il mondo.Diventiamo così cittadini autonomi e consapevoli.Pronti ad iniziare la seconda fase della lotta per spezzare il monopo lio delle informazioni mainstream.Ma di questo parleremo in altra sede.

9 settembre 2013

Note: http://www.francescosantoianni.it/wordpress/?p=989

http://www.youtube.com/watch?v=GVU8KMRtiHU

Fonte: peacelink.it

Tratto da: megachip.globalist.it

Antimafia Duemila

Video dalla Siria. La bufala della CNN

di Francesco Santoianni –

Avrebbero dovuto essere la "pistola fumante", la prova finale dell'immane strage con il Sarin, ma i video mostrati dalla CNN non reggo no a un minimo e same.

Avrebbe dovuto essere la"pistola fumante",l'incontrovertibile prova della immane strage (355 morti,3.600"ricoverati",nel villaggio di Ghouta,alle porte di Damasco) effettuata,con gas Sarin,dall'aviazione di Assad e che sta per scatenare una guerra. Ma i video mostrati, il 6 settembre,da Obama ai riluttanti rappresentanti del Congresso, e diffusi "in esclusiva", il 7 settembre, dalla CCN, si stanno rivelando una bufala a tutti gli effetti.

Prima di analizzarli, soffermiamoci sulle due versioni della "strage di Ghouta".

Finora ad "attestare" l'immane strage c'era soltanto un davvero sospetto comunicato di Medicins Sans Frontieres del 24 agosto, basato su quanto avreb bero riferito alla (benemerita?) associazione umanitaria suoi medici che operavano a Ghouta. Sulle incongruenze di questo comunicato e sul successivo, scandaloso, silenzio di MSF mi sono già soffermato qui e qui.

L'altra versione dell'accaduto,-sostenuta da una prima inchiesta  di Dale Gavlak, della Associated Press, e Yahya Ababneh,(ignorata da tutti i media main stream)e poi da altri reportages-addebita la strage (molto più contenuta come numero di vittime) ad un incidente in un tunnel dove i "ribelli" maneggiava no gas tossico (non Sarin), fornito dall'Arabia Saudita, che si sarebbe esteso fuori dal tunnel ucciden do anche qualche passante.

E ora analizziamo il video della CNN, realizzato con spezzoni di numerosi video mostrati da Obama ai membri del Congresso.

Intanto il video ripropone le stesse incongruenze evidenziate (da autorevoli esperti e anche da  me) per altri video di "attacchi con il Sarin" diffusi – spes so non sa bene da chi - in Rete.

Ad esempio:

"Soccorritori" che maneggiano i colpiti senza una adeguata protezione: il Sarin uccide, anche in microgocce, per contatto con la pelle.

Nessun "sopravvissuto"che mostra i sintomi tipici del Sarin(o altri gas nervini organofosforici) quali bava rossastra,tremori caratteristi ci,rilascio di feci e urina(evidenziabili,ad esempio,da inconfondibili macchie nei vestiti o per terra) o "pinpoint pupils", un restringimento del diametro della pupilla (ma su questo ci ritorneremo).

Nessuna scena che mostra persone ascrivibili come familiari o genitori, a fianco delle vittime.

E a proposito della strage di Ghouta:

Nessuna traccia dei 355 morti e dei 3.600 "ricoverati" segnalati da MSF.

Nessuna testimonianza da parte di familiari o genitori delle vittime.

Nessuna testimonianza di residenti che possa attestare l'avvenuta strage.

Ma occupiamoci del primo spezzone del video diffuso dalla CNN.

È girato in un semisotterraneo (si veda l'apertura) tenuto al buio. Perchè al buio? Perchè accatastare lì tanti corpi (tutti di adulti, incluso quello di due che, dal reggiseno sembrerebbero essere donne) ai quali nessuno (incluso il tizio che indossa il corpetto antiproiettile) sembra possa dare alcuna assisten za?Perchè non in un posto all'aperto, arieggiato, dove, almeno, i colpiti avrebbero potuto respirare più liberamente e, sopratutto, un'aria non impregnata da gas che verosimilmente (anche se in minima parte, considerato che i colpiti so no stati privati dei vestiti) si alzavano dai corpi? Una ipotesi. Buio, per chè nessuna luce doveva filtrare dall'apertura rivelando all'esterno quello che c'era lì dentro.Buio,perchè,altrimenti,questo video avrebbe rivelato i"ri belli "colpiti dal gas che qualcuno di loro stava ma neggiando nel tunnel.Una scena da tenere accuratamente nascosta,aspettando che si imbastisse la leg genda dell'attacco con il Sarin da parte dell'aviazione di Assad;leggenda che proprio questo incidente doveva coprire.

Nella seconda scena,a differenza della prima, quasi tutti i "colpiti" non sono stati denudati.Come già detto,nessuno sembra mostrare i sintomi che ci si a spetterebbe riscontrare in persone colpite da Sarin;per di più un uomo riverso al suolo,evidentemente infastidito dall'acqua che un"soccorritore" ha ver sato sulla sua barba,si affretta a rimuoverla,con una sveltezza(si veda qui dal minuto 2,12) che non ci si aspetterebbe da un moribondo.Ma a rendere so spetto questo video è la questione dei sandali.Sandali a fianco dei colpiti stesi per terra.In un caso,addirittura,sandali ordinatamente disposti,come ad es sere pronti per essere ripresi ed indossati.Perchè quei san dali?Li avessero avuti ai piedi i "colpiti da sarin"portati in braccio fino a lì,sarebbero certa mente caduti nel,certamente non tranquillo, tragitto.Forse li indossavano quando,camminando a piedi e sostenuti da qualcuno, sono arrivati lì?Ma in questo caso,perchè qualcuno,prima di farli sdraiare per terra,senza preoccuparsi di togliere i vestiti,ha tolto ad essi i sandali e messi questi vicino a loro?Certo,si possono fare mille congetture. Ma, visto il contesto, l'ipotesi più probabile è che le persone prima di sdraiarsi per terra,si siano tolto il fastidio dei sandali, da recuperare facilmente una volta terminata la "scena".

Il video continua evidenziando,oltre a quelle già segnalate,altre incongruenze.Quali,ad esempio,"personale medico",(bardato con ca mice verde e guanti) che non si preoccupa di fare assumere alle persone riverse per terra e prive di sensi la posizione laterale di sicurez za,(una davvero elementare precau zione finalizzata a scongiurare il soffocamento)o sfocature che si direbbero fatte ad arte per impedire il riconoscimento delle "vittime".. Promettendo di ri tornare su questo video,affrettiamoci,quindi,a concludere analizzandone la "Prova Regina":il "pinpoint pupils",o miosi,il restringimento della pupilla,sinto mo tipico dell'esposizione a gas nervini organofosforici, e che finora mancava in tutti i video che pretendevano di attestare l'utilizzo del Sarin.

Qualcuno al Pentagono o alla Cia deve essersene accorto ed ecco,finalmente,dal minuto 3.21 del"video di Obama",l'agognato "pinpoint pupils".Ho visto e rivisto i fotogrammi prima da solo e poi in compagnia di un mio amico oculista che sono andato a scocciare nel suo ultimo giorno di ferie.La "dia gnosi"?Miosi indotta non da gas Sarin ma, verosimilmente, da gocce di Pilocarpina,un collirio comune mente utilizzato per il controllo del glaucoma. E perchè non può essere Sarin? Perchè se fosse stato questo la causa della miosi, l'oc chio e le palpebre, con lo scompaginamento del sistema nervoso indotto dal gas, non potrebbero avere quei movimento registrato nel video.

Minuzie? Si, ma che credo invalidino un video che sta per giustificare una guerra

Francesco Santoianni

P.S.

È possibile scaricare il video della CNN,collegandosi a questo mio link, per esaminarlo con calma. E, visto che intendo mettere su un team che si occupa di esaminare - ed, eventualmente, sbugiardare - video di guerra, eventuali segnalazioni di dettagli che mi sono sfuggiti possono essere inoltrati a questo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

10 settembre 2013

Fonte: http://www.francescosantoianni.it/wordpress/?p=1027.

Tratto da: megachip.globalist.it